Quantcast
Music

da balmain a supreme, la moda è in pieno hype michael jackson

Il Re del Pop continua a ispirare marchi di lusso, brand di streetwear e celebrità.

André-Naquian Wheeler

André-Naquian Wheeler

Michael Putland/Getty Images

Dalla morte dell'artista tra gli stilisti è nata una nuova tendenza: celebrare l'inimitabile stile di Michael Jackson sulle loro passerelle. Il camaleontico cantante ha regalato ai suoi fan una pletora di look indimenticabili: il mitico guanto interamente ricoperto di paillettes, le giacche militari decorate con dettagli dorati, quelle giacche in pelle rossa che facevano tanto James-Dean-incontra-gli-anni-'80 sfoggiate in "Beat It" e "Thriller," e infine il cappello bianco che indossa nei nove minuti del video di "Smooth Criminal".

Questa mattina, Supreme ha pubblicato un breve annuncio per i suoi devoti fan: domani verrà distribuita una collezione di skateboard, t-shirt, felpe e camicie button-down con la stampa del Re del Pop durante gli anni di Thriller. Ma online girava già da qualche settimana la voce che il marchio avrebbe fatto un tributo all'artista in una nuova collezione. E un utente di Reddit ha commentato così la notizia "questo drop è come una benedizione di Dio per me." Considerando la conferma last minute, che ha dato a malapena il tempo ai suoi fan più accaniti di rompere i loro salvadanai, pregare i loro genitori di prestargli qualche soldo e/o controllare per l'ennesima volta il limite della carta di credito, Supreme deve essere sicura che la collezione sparirà dagli scaffali nel giro di poche ore. Perché? Perché Michael è moda.

Supreme/Michael Jackson. 05/25/2017.

A post shared by Supreme (@supremenewyork) on

Ma i riferimenti a Michael Jackson nella cultura pop si stanno presentando a un ritmo sempre più incalzante. Lo scorso anno, durante un discorso a sostegno della candidatura di Hilary Clinton, Lady Gaga indossava una giacca appartenuta a Jackson stesso. Per la sua performance di "Formation" durante il l'Halftime Show del Super Bowl, Beyoncé ha ricreato il look militare scelto dal re del pop per il suo halftime show del 1993. Infine, anche il direttore creativo di Balmain Olivier Rousteing si è fortemente ispirato allo stile di Jackson negli ultimi anni. È un vero e proprio trend, questo è innegabile. Ma l'influenza esercitata dall'artista sulla moda non è un fenomeno nuovo, anzi.

Prima di provare disperatamente ad accaparrarvi un pezzo Supreme x MJ domattina, date uno sguardo ai tributi della moda più memorabili fatti a Michael Jackson.

Philip Treacy
Per la sua sfilata primavera 13 , lo stilista inglese Philip Treacy si è rivolto a Michael Bush e Dennis Tompkins per creare outfit ispirati a Michael Jackson che accompagnassero i suoi iconici cappelli d'avanguardia. In passerella sono state presentate rielaborazioni della varsity jacket di "Thriller," della tuta da pseudo-astronauta di HIStory Tour e degli intimidatori anfibi del video di "Bad". "Quei capi sono stati disegnati per riempire uno stadio da 80.000 posti, eppure sembrano pezzi di haute couture," ha detto Treacy al The New York Times durante la sfilata. "Michael Jackson ha fatto meglio di chiunque altro nel dar vita allo straordinario."

Balmain
Fuori dal palco, Michael Jackson sceglieva spesso capi Balmain, sfoggiando giacche e pantaloni dalle decorazioni appariscenti—esattamente come si addice a un vero re (del pop). Pochi mesi dopo la morte della star, Balmain ha creato una serie di giacche militari decisamente abbaglianti per la collezione primavera/estate 09 che sembravano più adatte alla serie di concerti This Is It che l'artista non ha potuto mettere in scena, più che per essere indossate in una normale giornata da una persona qualunque. Poi, da quando Rousteing è diventato direttore creativo del brand di alta moda nel 2011, Balmain ha portato il livello d'ispirazione Jackson a +1000. Ci riferiamo in particolare alla capsule collection di Balmain X H&M, Rousteing ha creato completi bianchi, spalline imbottite e anfibi militari chiaramente ispirati a MJ.

Lady Gaga
Durante un'intervista del 2013 con Howard Stern, Lady Gaga ha spiegato perché ha acquistato alcuni abiti appartenuti a Michael Jackson—non confermando, ma neanche smentendo i rumors secondo cui avrebbe speso più di un milione di dollari per averli. "Il motivo per cui ho comprato i vestiti di Michael è che per me gli abiti che indosso durante il tour sono più importanti di tutto il resto del mio armadio," ha spiegato la cantante. "Michael non è qui, e sapere che la sua roba era stata messa all'asta mi ha fatto sentire a disagio, arrabbiata."

Lady Gaga ha finora indossato solo due capi del vasto archivio di cui si è dotata. Forse volendo rimanere fedele al messaggio trasmesso in canzoni come "Man in the Mirror" e "They Don't Care About Us," Gaga ha indossato uno dei suoi completi per un discorso a favore della Clinton durante le passate elezioni. È stato un momento di alta moda: una pop star di oggi che si trasforma in una pop star del passato.

"Mi prendo cura di loro," ha anche commentato Gaga riferendosi ai pezzi dell'archivio di recente creazione. "Sono in una stanza a temperatura controllata, così da potersi conservare al meglio. In futuro aprirò un museo in suo onore e voglio fare donazioni alle istituzioni che piacevano a lui." 

Maison Margiela
Nel 2008, Maison Margiela ha distribuito una giacca di pelle ispirata al video di "Thriller". I colori sono invertiti, con l'iconica "V" in rosso e il resto della giacca nera. Incluso nella collezione c'era anche un paio di attillati pantaloni rossi che ricordavano da vicino lo street style di Jackson negli anni '80.

Beyoncé
Beyoncé è stata sottoposta a un fuoco di critiche per la sua performance di "Formation" durante l'Halftime Show del Super Bowl 2016 da parte di blog e programmi televisivi conservatori, i quali hanno definito lo spettacolo come "militante". Una delle ragioni addotte è stata la giacca militare indossata dalla cantante—replica appunto di un capo indossato da Michael Jackson—indossata sopra un body, che ha unito l'estetica di Beyoncé a quella di Jackson.

E se alcune critiche hanno anche catalogato l'outfit come troppo osé per questo tipo di spettacolo, la giacca militare di Jackson si sposa perfettamente all'indomita celebrazione dell'orgoglio afroamericano della cantante. Giacca che è stata ripescata direttamente dagli archivi del re del pop, che l'ha indossata durante il suo Halftime Show del 1993. Tale performance rimane un punto di svolta nell'evolversi del concerto più seguito d'America, perché il suo spettacolo è stato il primo durante il quale il numero degli spettatori è aumentato durante l'intervallo.

Crediti


Testo André Wheeler 
Fotografia Michael Putland/Getty Images