riflessioni random su a$ap rocky con la bandana/foulard/scialle di gucci

La moda si è fatta meme di se stessa, e A$AP l'ha capito prima di tutti noi.

|
06 novembre 2018, 11:40am

Il titolo di uomo più alla moda del 2018 è ambitissimo da diverse celebrità, e a dibatterne sono sia i lettori di GQ, sia quelli che GQ non lo leggono. Sarà forse Timothée Chalamet in completo Alexander McQueen dipinto a mano? O Harry Styles in tuta Charles Jeffrey Loverboy? O magari Kanye West in spezzato Louis Vuitton e ciabatte con calze? E che ne pensiamo di Luka Sabbat che sfoggia occhiali con mini-videocamera integrata che non ha però intenzione di condividere nelle sue Instagram Stories, nonostante un anticipo di 45.000 dollari per farlo?

No, il blasonato award quest'anno non andrà a nessuno di loro. Se dovessimo riassumere la moda del 2018, infatti, con tutti i suoi post di Instagram sponsorizzati, tutte le sue accuse di plagio, le analisi di Business of Fashion, le mille capsule collection disegnate da celebrità senza il minimo senso creativo, le assurdità che indossiamo, ecco, se ci sentissimo di dare un volto a tutto questo, sarebbe quello di A$AP Rocky mentre indossa la bandana/foulard/scialle di Gucci, occhiali da sole e spolverino opalescente con accanto Lana Del Rey alla serata di gala organizzata dal LACMA a Los Angeles.

È un look iconico. È un attimo fuggente che riassume un momento storico. Per coloro che sono sopravvissuti al pericoloso cammino per raggiungere la vetta della montagna della moda, quelli che hanno osservato attenti milioni di look, trend, momenti e follie estetiche, questa immagine di A$AP Rocky racconta tutta la loro esperienza. È tutto ciò che conta. Non serve altro.

Perché? Perché possiede una certa sostanza, ma ha una sua sensibilità. È un look gentile, ma sprizza spavalderia da tutti i pori. Non ha l'arroganza del cappello gigante di Jared Leto, ma può competere con lui per il coefficiente di ridicolo di cui si fa vettore. È l'equivalente sartoriale di quel video in cui una giornalista dice a 2 Chainz di fare attenzione perché sta per rovesciargli il caffè addosso, ma lui risponde: "Cara... questa è camomilla." In entrambi i casi c'è un elemento indubbiamente fashion, ma c'è anche ironia.

E la moda non è esattamente questa cosa qui nel 2018? Fashion + ironia? Non è questo il motivo per cui Gucci regna sovrano, quello per cui Y/Project ha creato UGG alti fino alla coscia, la ragione che spinge Balenciaga a farsi denunciare da aziende di merchandise kitsch per turisti e Arbre Magique? La moda è diventata un meme vivente, e A$AP l'ha capito prima di tutti noi.

A dirla tutta, questa non è neanche la sua prima incursione nel mondo della moda. Dopo tutto, è lui il maestro dei testi che ha fatto rimare Oliver Peoples con Ann Demeulemeester—"Vedo i tuoi Jil Sanders, Oliver Peoples / Costume National, Ann Demeulemeester" canta in Fashion Killa. Nel 2014 in Multiply si è auto-proclamato "Il fottuto lord di questa merda di moda, non merito di vantarmi un po'?". Ecco, credo sinceramente che abbia completamente ragione. Sì, la moda è un business piuttosto affollato, ma il rapporto simbiotico che ha con la musica apre a questa industria nuove porte e pubblici.

Oggi, le condizioni su cui si basa la moda maschile sono sempre più complesse, perché devono risultare appealing a un numero sempre maggiore di persone. Di conseguenza, mantenere il titolo di Most Fashionable Man significa stupire, sovvertire le regole, lasciare a bocca aperta. E, onestamente, esiste qualcosa più "di rottura" di un rapper maschio ed etero che si trasforma, come dice lui stesso, in una "babushka", una nonna russa?

"Volevo solo sfoggiare il mio babushka oggi, a dirla tutta", ha detto a proposito del suo look A$AP a un giornalista prima del gala. "Ho pensato che fosse immacolato, e con su gli occhiali da sole mi sento davvero bello. Voglio incoraggiare tutti i ragazzi là fuori a indossare le loro babushka d'ora in avanti. Silk Gang, Silk City. Sai com'è. "

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Altre riflessioni sui meccanismi che governano il fashion business oggi:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK.