Fotografia di Mitchell Sams

a parigi vetements si conferma il brand più rivoluzionario della moda

Con la collezione a/w 18 Vetements si è ulteriormente differenziata da ogni altra maison esistente.

|
gen 22 2018, 4:45pm

Fotografia di Mitchell Sams

Il rivoluzionario brand di Demna Gvasalia è tornato a sfilare durante la Settimana della Moda di Parigi con la collezione più Vetements che si potesse immaginare. Il figliol prodigo della moda ha fatto ritorno, stupito tutti come sempre e alzato ulteriormente l'asticella della sua coolness grazie alla collezione autunno/inverno 2018. Il leitmotif sembra essere stata una domanda ben precisa: perché indossare un outfit quando se ne possono indossare due... o più? Quella presentata da Demna è stata infatti una collezione fiera, energica, a più strati e incredibilmente onesta, oltre che perfettamente in linea con la location scelta—il mercato d'antichità più grande del mondo. Contemporaneamente, questa sfilata ha fatto sì che Vetements si differenziasse ulteriormente da tutti gli altri brand esistenti nel 2018. Gli imitatori possono anche essere migliaia, ma di Vetements ce n'è uno solo.

La filata ha avuto luogo nel cuore del mercatino dell'usato di Saint-Ouen, lontano dalle solite location scelte dalle maison per presentare le loro collezioni. Composto da dieci diversi spazi espositivi, il mercato di Paul Bert Serpette offre antichità che si sposano alla perfezione con l'estetica di Demna. Dal nostro posto abbiamo osservato oggetti d'ogni tipo, da gioielli in oro a preziosi bicchieri in cristallo, da specchi dalle cornici riccamente decorate a camioncini vintage. A insider della moda e fan di Vetements si sono uniti proprietari di negozi, che circondati da mobili vintage e merci d'antiquariato. Data la location, i segni del ritorno di Martine Rose per la a/w 17 erano innegabili, ma mentre il consulente di Balenciaga Uomo ha celebrato la sua comunità, Gvasalia ha scelto di celebrare il patchwork di curiosità che sono i mercatini delle pulci. Guidato da Lotta Volkova, Vetements si è avvicinato sempre di più alle subculture e alla storia della moda. Abbiamo quindi visto in passerella gang goth con borse dal sapore granny, e tutto quello che potrebbe stare nel mezzo. Il risultato è stata una serie di volti e abiti che potrebbero far parte della prossima serie di Exactitudes.

Questo tour de force di buon gusto e cattivo gusto ha avuto come punto centrale Maison Margiela, brand in cui Demna ha lavorato per tre anni. "Ho voluto analizzare le mie radici in quanto stilista, e quindi sono tornato a pensare agli anni in casa Margiela," ha dichiarato Demna ad i-D dietro le quinte della sfilata Vetements. "Volevo creare qualcosa che rappresentasse concretamente il significato che Margiela ha per me e per Vetements. Di cosa si tratta? Di un atteggiamento, non di una persona. È un modo di amare gli abiti e di annullare le regole sociali indossandoli. Ed è esattamente quello che abbiamo fatto anche noi."

Crediti


Fotografia di Mitchell Sams
Testo Steve Salter