Ora puoi guardare gratis questi imperdibili film diretti da filmmaker neri

Dal debutto cinematografico di Maya Angelou alle commedie queer, su The Criterion Collection c'è un mondo da scoprire che rende finalmente giustizia al cinema black.

di Douglas Greenwood
|
10 giugno 2020, 9:44am

Still da Black Mother (2018)

La casa di distribuzione cinematografica The Criterion Collection è conosciuta per il suo vasto repertorio di film indipendenti di nicchia. I suoi editor li selezionano inoltrandosi nei meandri dimenticati degli archivi cinematografici, dove riportano alla luce perle del passato silenziate dalla produzione mainstream. Nel mondo del cinema d'essai, l'approvazione di The Criterion Collection è considerata tra le più influenti e decisive, quasi un obiettivo da raggiungere per i cineasta moderni.

La sua biblioteca in streaming, chiamata The Criterion Channel, è una delle piattaforme cinematografiche online meglio curate in assoluto. Per gettare luce sul fatto che le storie riguardanti le persone nere sono sempre passate inosservate, a differenza delle loro controparti bianche, The Criterion Channel ha stilato una lista di film che rendono giustizia proprio a queste narrazioni, mettendole a disposizione del pubblico gratuitamente, che in questo modo ha l'occasione di accedere ad una parte cruciale dell'arte della comunità nera, che altrimenti sarebbe andata persa.

In questo momento, sul Vimeo di The Criterion Channel è disponibile una delle opere seminali del cinema queer degli anni '90, The Watermelon Woman, diretto con un budget minimo dalla filmmaker Liberiana-Americana Cheryl Dunye. Racconta la storia di una giovane donna gay a Philadelphia che, grazie alla sua ossessione di guardare film degli anni '30 e '40, scopre l'esistenza di un'attrice chiamata “The Watermelon Woman”. Con umorismo e romanticismo, il film esplora il viaggio della giovane donna nello scoprire chi sia in effetti questa attrice senza nome.

Disponibile in streaming sulla piattaforma c'è un'altra opera ricordata troppo poco spesso, il debutto cinematografico dell'attivista e scrittrice Maya Angelou. Down in the Delta è un film del 1998 che parla di una famiglia che vuole ricongiungersi con le proprie radici nel profondo Sud americano. Il protagonista è interpretato da Wesley Snipes.

60 anni prima, Oscar Micheaux creava invece Body and Soul, “una critica diretta al potere della religione,” tracciando il profilo di un personaggio che è sia predicatore che malfattore; una figura tanto spirituale quanto concreta. È uno dei 40 film che Oscar ha creato nella sua intera vita, ed ora fa parte della biblioteca di Criterion.

Le barriere tra il cinema di finzione e quello documentaristico sono state piegate dalla pratica di William Greaves, nel suo film della New York del 1968 Symbiopsychotaxiplasm Take One, in cui la narrazione si concentra su di una crew cinematografica a Central Park, mentre cercano di decidersi su quale tipo di film girare in real-time. E anche il sequel, Take 2 ½ , è disponibile per la visione in streaming. E un altro progetto pionieristico, essendo uno dei primi film girati da una donna afroamericana, ci porta dentro la relazione tra un pittore ed una professoressa di Filosofia nell'upstate di New York: questo è Losing Ground di Kathleen Collins.

Un film più contemporaneo sull'esperienza nera è Black Mother di Khalik Allah: descritto come in parte un Battesimo, in parte un film, questo capolvoro ci guida attraverso la Jamaica moderna, riscoprendo il passato della nazione.

Ci sono anche un paio di film di registi bianchi che sono riusciti a raccontare rispettosamente l'esperienza nera. Uno di questi è il documentario sul performer di cabaret gay, Jason Holliday, di Shirley Clarke girato nel Chelsea Hotel; e c'è pure il documentario di Agnès Varda sulle Black Panthers degli anni '70.

Criterion sta progettando di ampliare ancora di più la selezione di film, includendo altri progetti come quelli di Leilah Weinraub, quindi tenete un occhio sul sito per assicurarvi di non perdervi queste importanti opere d'arte.

Questo articolo è apparso originariamente su i-D UK

Tagged:
Black Lives Matter
Shirley Clarke
maya angelou
criterion
Khalik Allah
Agnès Varda
Kathleen Collins
Cheryl Dunye
oscar micheaux
william greaves
filmmaker neri