Mitchell Sams

mfw: marco de vincenzo spring/summer 15

Right angles, mobile geometries, immaterial densities and self-generating exoticisms? Despite the show notes' mused on that the Fendi accessories designer sent a collection full of fabulous Italian fashionability down the runway.

by Anders Christian Madsen
|
20 September 2014, 2:30pm

Mitchell Sams

Il giovane Marco de Vincenzo non è un tipo da riferimenti sgargianti, il che è strano considerando il fatto che disegna accessori per Fendi da sempre, e lo fa ancora. Ma poiché al designer è stato affidato il critico compito di guidare Milano verso la prossima era della moda, forse non è così strano che sia un po' serio. Mentre le note della sua sfilata riflettevano sullo spingere i materiali fino al limite, sugli "angoli retti e le geometrie mobili", le "densità immateriali e l'esotismo auto-generato" (provate a ripeterlo dieci volte veloce), alcuni dei pezzi che ha fatto sfilare non erano poi così lontano dall'essere appunto sgargianti.

Il cappotto con le frange dorate e la gonna a griglia grigia avevano tutto il meraviglioso stile che ti aspetteresti dal principe ereditario di Milano, mentre la t-shirt e la gonna colorate con motivo in paillettes avevano uno spirito meno signorile e più psichedelico, e si sono inserite in modo fantastico nel mondo di Marco de Vincenzo. Essendo un designer di LMVH - lo zio ricco della moda ha investito nel designer lo scorso anno - ovviamente non se la sarebbe mai cavata con meno di una collezione omnicomprensiva, e per de Vincenzo questa sfida è sembrata una passeggiata. Quest'uomo riesce in qualche modo a fare semplicemente tutto: dal trendy al raffinato, e tutto ciò che ci sta in mezzo.

Marco De Vincenzo Spring/Summer 15

E mentre una folle fonte di ispirazione rende un reporter dalle sfilate felice come non mai, molta della forza di de Vincenzo sta nel fatto che è riuscito a creare un'estetica per se stesso talmente presto da essere oggi identificata come la sua propria estetica. Forse non è così strano, visto il suo passato da Fendi e tutto il resto della sua storia. Karl Lagerfeld certamente non ha mai sentito il dovere di spiegare a lungo i suoi riferimenti alla casa di moda romana. "È semplicemente molto Fendi," ha detto più volte il Kaiser nel backstage alla sua sfilata questa settimana.

marcodevincenzo.com

Credits


Text Anders Christian Madsen
Photography Mitchell Sams

Tagged:
Fendi
MFW
anders christian madsen
spring/summer 15
mitchell sams
marco de vincenzo