Pubblicità

due uomini che si tengono per mano sono ancora un tabù

Ma non in India, come dimostrano questi scatti.

|
set 3 2018, 2:55pm

Fotografia di Vincent Dolman

Milano e Mumbai sono due città molto, molto, molto diverse tra loro. Milano è un ammasso di cemento, qualche grattacielo, tanti palazzoni e vecchi bar di quartiere. Mumbai è un insieme assordante di voci, colori e tradizioni totalmente diverse da quelle a cui noi italiani, e occidentali in generale, non siamo abituati. Mumbai è un gioiello incastonato sulle coste dell'India.

Quando ha visitato questo paese per la prima volta, il fotografo Vincent Dolman è rimasto esterrefatto non tanto dal caos che vi regna supremo, né dal caldo asfissiante; no, a stupirlo sono stati gli uomini che si tenevano per mano. In Europa, non è una cosa comune, anzi, tolti gli abbracci tra tifosi di calcio, sono ben pochi i contatti fisici così ravvicinati che la nostra cultura prevede. Ma non è solo una nostra percezione: da questo studio è infatti emerso che in Gran Bretagna circa due terzi delle coppie LGBTQ evita di tenersi per mano in pubblico perché teme reazioni negative da parte di altri. "Nella nostra società, gli uomini si abbracciano solo dopo aver bevuto un po' troppe birre insieme al bar," ammette Vincent.

In India la discriminazione è di gran lunga peggiore. Il sesso tra persone dello stesso sesso non è solo un tabù, ma è anche vietato dalla legge (anche se la Corte Suprema indiana la sta esaminando, e presto potrebbe essere eliminata). Ma quando si tratta di uomini che si tengono per mano, nessuno si stupisce minimamente in India, indipendentemente dalla sessualità degli interessati. Per gli indiani, tenersi per mano è un simbolo come tanti altri di amicizia e intimità. Dopo essere tornato a casa e aver sviluppato i rullini scattati in India, Vincent si è accorto che sullo sfondo di diverse immagini si vedevano alcuni uomini tenersi per mano in tutta tranquillità. Così ha deciso di tornare a Mumbai per realizzare una serie fotografica che approfondisse il tema in modo più approfondito. "Mi ci sono voluti un paio di giorni per ottenere il mio primo scatto decente," dice. "All'inizio cercavo nei posti sbagliati e nei momenti sbagliati della giornata. Poi, con l'aiuto di un fixer, e soprattutto parlando con gente del posto, ho capito che i ragazzi si tengono per mano quando escono e si stanno rilassando in giro."

Queste foto lo dimostrano: si vedono uomini di tutte le età tenersi per mano con affetto e in modo del tutto spontaneo. Ci sono dita che si intrecciano, pollici che si sfregano, unghie che accarezzano. Alcuni sono scatti rubati, altri invece più organizzati, ma da ognuno emerge la stessa gioia e semplicità, come se quel gesto non fosse davvero niente di che.

"È un po' come se qui un tuo amico ti mettesse una mano sulla spalla," cerca di spiegarmi metaforicamente Vincent. "Per noi è qualcosa di strano, ma in altre culture è perfettamente normale. È questo che mi affascina. Amo il modo in cui gli uomini in India possono dimostrare il loro affetto reciproco tenendosi per mano. Vorrei che anche in occidente fossimo più liberi di farlo." Perché? "Perché è un modo di rappresentare l'amicizia e l'amore fraterno. E oggi ne abbiamo davvero bisogno, no?"

Pubblicità

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Leggi anche:

Questo articolo è originariamente apparso su i-D UK

more from i-D