Pubblicità

this is milan, straight up

Chi sono i giovani che rendono Milano una città in cui tutto è possibile? Ne abbiamo incontrati sette, e insieme a loro abbiamo trasformato l'energia che si respira tra le sue strade in immagini.

|
mag 18 2018, 11:03am
Pubblicità

E se il mondo in cui viviamo fosse il migliore dei mondi possibili? Non possiamo sapere se è davvero così, ma è bello crederci. Ancora più bello è darsi da fare affinché lo diventi. Certo non è facile, ma vuoi mettere la soddisfazione che senti quando hai la consapevolezza che—nonostante sbagli, difficoltà e passi falsi—le cose vanno bene ed è merito tuo? Ti sei messo in gioco, hai scommesso su te stesso e sulle tue capacità. E hai vinto, perché "se non va bene oggi, andrà bene domani." A dircelo è Giorgia, 22 anni di Milano, neolaureata in Fashion Design pronta a buttarsi nel mondo del lavoro e dimostrare quanto vale. Insieme a lei abbiamo incontrato altri sei giovani che incarnano alla perfezione questo mood determinato, positivo e dinamico.

I loro background sono estremamente diversi tra loro, ma Naomi, Pedro, June, Giorgia, Sun, Francesco e Alberto hanno una caratteristica precisa in comune: vedono in Milano l'unica metropoli possibile in cui realizzare i loro sogni, grandi o piccoli che siano poco importa. Sempre più internazionale e sempre più viva, Milano non è solo la città del loro presente, ma anche quella del loro futuro. Come Sun, che arriva da Chengdu, in Cina, e vuole aprire un suo concept store in Porta Venezia; o come June, thailandese da poco arrivata in Italia che ogni giorno rimane a bocca aperta davanti ad angoli della città che ancora non aveva visto. Anche chi a Milano ci è nato, ed è questo il caso dei due gemelli Francesco e Alberto, non riesce a immaginarsi altrove, perché l'aria cosmopolita e contemporaneamente intima, familiare (e un po' inquinata, questo va detto) che si respira qui è introvabile altrove.

Con Parco Sempione e l'Arco della Pace sullo sfondo, abbiamo voluto trasformare questa energia in immagini. Perché se New York è la città che non dorme mai, Milano è quella che di dormire ne ha bisogno, perché deve ricaricare le batterie e svegliarsi la mattina dopo pronta a fare del suo meglio.

Naomi, 23 anni, Milano

Cosa fai?
Vivo a Milano ma sono Umbra. Studio Fashion Design alla NABA da 3 anni. Sono da poco tornata da un exchange program in India, a Delhi.

Pubblicità

Come ti descrivono i tuoi amici?
Timida e introversa. Ma anche molto comprensiva.

Cosa hai ascoltato questo weekend?
L’ultimo mixtape di Benny Revival su SoundCloud.

Qual è il tuo posto preferito a Milano?
MACAO è il posto in cui vado a ballare. Questo weekend sono rimasta fino alle 9.30!

La cosa migliore di essere giovani e vivere a Milano nel 2018?
Sto ancora facendo l’università quindi ho un mondo davanti. Non mi sento contaminata di idee superiori a me. Fantastico su un sacco di cose, non ho ancora i piedi per terra!

Per cosa verrà ricordata la nostra generazione?
Abbiamo un sacco di libertà, ma anche tanta confusione. Credo che verremo ricordati per la quantità incredibile di immagini che produciamo sui social.

@ookenami

Pedro, 21 anni, Brescia

Cosa fai?
Vado ancora al liceo, questo è il mio ultimo anno.

Come ti descrivono i tuoi amici?
Come un tipo molto easy e diretto.

Cosa hai ascoltato questo weekend?
Walk On Water di A$AP Mob.

Qual è il tuo posto preferito a Milano?
Sicuramente Stazione Centrale. Lì trovo tutti quelli che come me vanno in skate.

La cosa migliore di essere giovani e vivere a Milano nel 2018?
Il movimento, in questa città c’è tanta energia.

Per cosa verrà ricordata la nostra generazione?
Per aver distrutto il mondo.

@pedrodesousa_

June, 24 anni, Bangkok (Thailandia)

Cosa fai?
Sto frequentando un master di Business Design alla Domus Academy, prima ho studiato Fashion Design in Thailandia.

Pubblicità

Come ti descrivono i tuoi amici?
Non sono il tipo di ragazza che parla moltissimo, sono molto timida, quindi in primis posso sembrare schiva. I miei amici ormai mi conoscono.

Cosa hai ascoltato questo weekend?
Ultimamente sto ascoltando i Best Coast, sono americani. In generale ascolto musica indie e quando mi piace una band ascolto tutto quello che fanno.

Qual è il tuo posto preferito a Milano?
Corso Como, ma in generale tutta la zona che collega Moscova a Porta Garibaldi.

La cosa migliore di essere giovani e vivere a Milano nel 2018?
Sono qui, questa è già una delle cose migliori che mi sta succedendo. Sto conoscendo gente e vedendo cose nuove, diverse dalla mia cultura. Sto molto con i miei amici italiani perché mi portano in posti non da turisti.

Per cosa verrà ricordata la nostra generazione?
Social Media. Io da poco ho chiuso il mio profilo Facebook perché non mi interessava più. Uso solo Instagram per postare foto.

@junechha

Giorgia, 22 anni, Milano

Cosa fai?
Mi sono laureata un mese fa in Fashion Design alla NABA. Adesso voglio far pratica in qualche azienda e poi magari iniziare la mia linea.

Come ti descrivono i tuoi amici?
Genuina, sensibile e gelosa (soprattuto dei miei vestiti!)

Cosa hai ascoltato questo weekend?
HAZARD UNITZ REC – No stop.

Qual è il tuo posto preferito a Milano?
MACAO oppure il Dude, se voglio ballare techno berlinese.

La cosa migliore di essere giovani e vivere a Milano nel 2018?
L’energia. L’entusiasmo. Se non va bene oggi, andrà bene domani. Poi per quanto mi riguarda, Milano potrebbe essere la capitale.

Pubblicità

Per cosa verrà ricordata la nostra generazione?
Innovazione. Siamo una generazione di giovani che guarda contemporaneamente al futuro e al passato.

@centodiciassette

Sun, 22 anni, Chengdu (Cina)

Cosa fai?
Sto studiando Fashion Communication in Marangoni e prima ancora ho studiato al London College of Fashion.

Come ti descrivono i tuoi amici?
Come prima cosa: alto! Poi sono super socievole!

Dove vai a ballare qui a Milano?
Non frequento un club specifico. Preferisco gli after party.

Qual è il tuo posto preferito a Milano?
Mi piace Brera. Di solito dipingo, lì compro quello che mi serve.

La cosa migliore di essere giovani e vivere a Milano nel 2018?
Le persone e il tempo. A Londra non è affatto così… Penso che rimarrò a Milano, vorrei aprire qui il mio concept store in Porta Venezia. So già che voglio chiamarlo SUNLIT, ma prima devo finire il mio master.

Per cosa verrà ricordata la nostra generazione?
Questa domanda è troppo difficile.

@_sunze_

Francesco, 22 anni, Milano

Cosa fai?
Studio giurisprudenza. Sembra noioso ma nel tempo libero mi diverto parecchio.

Come ti descrivono i tuoi amici?
Come uno puntiglioso; ma anche uno che aggrega.

Qual è il tuo posto preferito a Milano?
La Milano est, zona Lambrate; piazza Ascoli, piazza Leonardo. I posti che hanno fatto la mia gioventù.

La cosa migliore di essere giovani e vivere a Milano nel 2018?
Questa città non è mai stata così internazionale.

Per cosa verrà ricordata la nostra generazione?
Ci sono due strade: o saremo quelli che subiranno la rivoluzione tecnologica o quelli che la domineranno.

Pubblicità

@phraphrusco

Alberto, 22 anni, Milano

Cosa fai?
Ho appena finito di studiare audio production all’Istituto SAE; una settimana fa ho firmato il mio primo contratto di lavoro come creativo per un’azienda che produce dischi.

Cosa hai ascoltato questo weekend?
Un gruppo indie che ho scoperto su Bandcamp, sono americani e si chiamano Pinegrove. Mi piace supportare gruppi indipendenti.

Qual è il tuo posto preferito a Milano?
Lambrate. Lì ci sono i posti dove incontro i miei amici di sempre. Conosco tutto in quella zona.

Cos’è la cosa migliore di essere giovani e vivere a Milano nel 2018?
Sei molto invidiato da gente che abita in altri posti. Invidiato in senso buono!

Per cosa verrà ricordata la nostra generazione?
Per la creatività e consapevolezza con cui usiamo il web.

@albiricchi

Crediti


Testo di Mattia Ruffolo
Fotografia di Piotr Niepsuj
Direzione Creativa di Gloria Maria Cappelletti
Executive Producer Rosario Rex Di Salvo
Direzione Artistica di Niccolò Fiorentini
Styling di Giorgia Imbrenda
Capelli e trucco di Silvia Sidoli
Modelli Giorgia Andreazza, Naomi Oke, Chalakorn Ounsri, Francesco Ricchi, Alberto Ricchi, Pedro De Sousa e Sun Z
Tutti gli abiti Emporio Armani Spring Summer 18

more from i-D