Pubblicità

grazie regina elisabetta per questo nuovo, elegantissimo trend

Ombrelli trasparenti, ombrelli trasparenti ovunque alla Fashion Week di New York. Ma la Regina li indossa da decenni.

|
set 12 2018, 8:26am

Immagine via Twitter.

Pubblicità

Ne parlavamo da mesi, e poi è successo: domenica scorsa le sorelle Mulleavy sono tornate a sfilare a New York. La passerella Rodarte primavera/estate 2019 è stata colorata, floreale, sontuosa, opulente, delicata e bagnatissima. Sì, perché domenica a New York pioveva e non si trattava di una pioggerellina leggera, magari facilmente ignorabile. Al contrario, diluviava. La sfilata era stata organizzata all'aperto, come del resto quella di Telfar, Tory Burch e 3.1 Philip Lim. Nulla potevano onnipotenti fashion editor e austeri buyer contro le bizze metereologiche.

Così, per ripararsi dall'insistente scroscio d'acqua, e soprattutto per proteggere gli splendidi capi e make-up delle modelle, tutti i presenti sono stati dotati di graziosi ombrelli trasparenti. Vuoi mica rovinare quelle minuziose acconciature in cui erano intrecciati piccoli boccioli di rosa e pizzi? Anche il Guardian è d'accordo con me, appunto.

Grazie a questi accessori gli scatti del backstage Rodarte sono forse più belli di quelli fatti in passerella. Le goccioline di pioggia sul nylon trasparente donano un'aura misteriosa ed eterea alle modelle, come se una leggera patina le avvolgesse per trasportarle in un'epoca sospesa fuori dal tempo. Il contrasto tra le sognanti creazioni delle sorelle Mulleavy e gli addetti ai lavori rigorosamente di nero vestiti che riparano le modelle dalle intemperie rende tutto più giocoso e scanzonato, ricordandoci che la moda altro non è che un divertissement per adulti che spesso si prendono fin troppo sul serio.

Scorrendo una gallery fotografica della NYFW dopo l'altra e leggendo review di sfilate su review di sfilate è impossibile non notare l'ubiquità di questi ombrelli. Ma c'è qualcuno che li indossa da tempo, anticipando questo nuovo trend di qualche decennio: la Regina Elisabetta II. Per la precisione, Sua Maestà di casa Windsor opta più o meno da sempre per il modello Birdcage in nylon prodotto dall'azienda scozzese Fulton. Del resto, secondo quanto riportato da W Magazine, "proprio come i fashion editor non lasciano che la pioggia impedisca loro di sedere in first row a tutte le sfilate, la Regina non lascia che un tempo poco clemente si frapponga tra lei e i suoi doveri reali."

È stata definita la Regina non solo del Regno Unito e dei Reami del Commonwealth, ma anche e soprattutto dei look monocromatici, e il perché è piuttosto chiaro. Anzi, sarebbe difficile non notarlo. Ogni incursione nel perimetro esterno delle sue reali dimore prevede tailleur in colori che neanche i migliori di noi penserebbero mai di indossare (ciao Prada, ciao verde neon). Durante la passata Fashion Week di Londra ha persino assistito (in prima fila, ovvio) alla sfilata di Richard Quinn, seduta accanto a Sua Altezza dell'Editoria di Moda Anna Wintour. Inoltre, i foulard visti sulla passerella autunno/inverno 18 di Balenciaga ci ricordano molto quelli indossati dalla Regina per gli eventi meno formali.

È innegabile insomma che si tratti di una donna il cui senso dello stile è tanto deciso quanto riconoscibile. Ma a stupirmi oggi è l'utilitarismo delle sue scelte in fatto di moda: secondo l'azienda produttrice, la Regina preferirebbe questo modello di ombrello trasparente perché permette a tutti i suoi sudditi di vederla chiaramente, senza che l'oggetto copra i suoi splendidi cappellini o parte del viso. A questo si aggiunge il vero tocco di classe, poi, cioè l'abbinamento bordo dell'ombrello-tailleur.

Ora che ne abbiamo ripercorso l'origine, torniamo al presente di questa nuova moda: durante gli ultimi sette giorni la pandemia dell'ombrello trasparente si è diffusa a un ritmo così sostenuto che neanche la t-shirt della Levi's potrebbe competere, diventando nel giro di un paio di sfilate "l'accessorio più cool dell'intera NYFW," secondo quanto titolato da The Cut. Del resto, esistono due sole altre professioni—oltre quella di Regina—che richiedono di essere visti, osservati, scansionati, fotografati e commentati continuamente: quella di influencer e modelle.

Pubblicità

Speriamo riescano ad abbinarli con la stessa eleganza di Queen Elizabeth, anche se ci sembra un traguardo così ambizioso da poter tranquillamente essere definito impossibile.

Segui i-D su Instagram e Facebook.

Prima di dimenticarci, c'è un'altra donna di casa Windsor che dobbiamo ringraziare ultimamente. Ed è la figlia della Regina, la Principessa Anne:

Crediti


Testo di Amanda Margiaria
Immagine di copertina via Twitter

more from i-D