The VICEChannels

      news Gloria Maria Cappelletti 16 settembre 2015

      stones of venice di alessandro bava in mostra a venezia

      L’architetto e artista fondatore della zine ECOCORE ci propone la sua visione sacra della natura in una video installazione a Spazio Ridotto.

      stones of venice di alessandro bava in mostra a venezia stones of venice di alessandro bava in mostra a venezia stones of venice di alessandro bava in mostra a venezia

      Sono finiti i tempi di falsa onnipotenza, ci troviamo nell'era digitale che sta espandendo nuovi sistemi filosofici e scientifici che puntano la loro attenzione ad un rinnovato interesse per l'ecologia e l'ambiente in senso piu' dilatato. Si parla di Deep Ecology gia' dagli anni '70 ma ora viviamo un twist digitale imprescindibile. Dalle palme tropicali ai buchi neri passando per i .gif di Tumblr tutto vale ed esiste. E l'uomo? Beh noi non siamo il centro dell'Universo e ci troviamo a fare i conti con la nostra idea fittizia di progresso, l'anidride carbonica ingestibile e relative ansie da apocalisse.

      Joe Hamilton, Regular Division, 2014 

      Quando parliamo di ambiente crediamo ne esista uno specifico, abbiamo invece la possibilita' di abitare delle dimensioni multiple, e la scienza e' solo uno strumento tra molti che ci fornisce una spiegazione pratica e teorica di alcuni di questi ambienti. Dobbiamo oltrepassare i nostri paradigmi e liberare le menti per esplorare i più incerti e criptici regni dei processi emergenti della natura e del digitale.

      Complessità, diversità e simbiosi con i codici della natura non solo formano un nuovo asse di pensiero, ma anche una nuova estetica, una interconnessione tra mondo naturale, digitale e umano. Parlare di codici estetici e' diventato polveroso e accademico. Meglio compiere una svolta e avventurarsi nell'estetica del codice.

      Music For Your Plants & V5MT, Untitled, 2015

      In questo panorama di pensiero dilatato nasce ECOCORE, una pubblicazione dedicata all'ecologia nell'era digitale diretta dall'architetto e artista Alessandro Bava, ospite fino al 16 ottobre presso Spazio Ridotto a Venezia, hub creativo diretto da Zuecca Projects.

      Bava presenta Stones of Venice, una video installazione con contributi di documentaristi, artisti e architetti: Music for Your Plants, Block-Hood, Joe Hamilton, FundMyTravel and Uncharted. La mostra e' opposta e complementare al nuovo numero di ECOCORE dal titolo the G()D issue, che si prefigge di esplorare il tema di Dio come un meccanismo etico all'interno di questi nuovi sistemi di pensiero, che spaziano dalla Deep Ecology al Biocentrismo, tra eco-ansie e teorie dell'Antropocene.

      Uncharted4 - still da video - All rights © Sony Computer Entertainment

      Alessandro Bava, Stones of Venice
      a cura di Gloria Maria Cappelletti e Fabrizio Meris

      fino al 16 Ottobre 2015
      SPAZIO RIDOTTO
      spazioridotto.com

      ecocore.co

      Leggi la nostra intervista ad Alessandro Bava qui.

      Crediti

      Testo Gloria Maria Cappelletti

      Foto Dennison Bertram

      Connettiti al mondo di i-D! Seguici su Facebook, Twitter e Instagram.

      Tematiche:news, arte, cultura, alessandro bava, gloria maria cappelletti, spazio ridotto, zucca projects, venezia, venice, ecocore, ecologia, antropocene

      comments powered by Disqus

      Oggi su i-D

      Altro

      featured on i-D

      Consigliati